Categoria: Birra

Offerte di inizio Ottobre 2017!

Ogni momento è quello giusto per un brindisi con il vino italiano più famoso nel mondo. Ma è ancora più giusto con l’offerta Iperdrink: -20% su tutto il Prosecco della nostra selezione, nelle varianti tranquillo, spumante e frizzante, inclusi il Prosecco di Valdobbiadene DOCG e la sua espressione più prestigiosa: il Cartizze.

Bortolomiol, Col Vetoraz, Foss Marai, Colesel, Pederiva, Fratelli Bortolin: aziende custodi della tradizione del Prosecco, tutte da scoprire grazie a questa imperdibile promozione.

Ma il vino italiano è anche sinonimo di grandi rossi.

Per questo, Iperdrink vi offre con uno sconto del 20% sul prezzo di listino il Nero d’Avola Passo alle Mule Duca di Salaparuta ed il Cabernet Sauvignon Loredan Gasparini.

Continua a leggere
Lascia un commento

In California con le offerte Iperdrink

Anchor Brewing e Sierra Nevada sono due birrifici storici: è a loro che si deve la valorizzazione di ingredienti importanti come il luppolo californiano Cascade, e la nascita di stili birrai tipicamente americani. Fino a fine settembre potrete assaggiare le loro birre a prezzo scontato!

Continua a leggere
Lascia un commento

Oktoberfest: la storia e le birre della tradizione


Mancano poche settimane all’inizio della 206A edizione dell’Oktoberfest, che con gli oltre 7 milioni di presenze registrate lo scorso anno si conferma la festa popolare più grande del mondo.

La “Festa d’Ottobre” ha origine a Monaco di Baviera nel 1810, in occasione del matrimonio tra il principe ereditario Ludwig (futuro re Ludwig I) e la principessa Therese di Sassonia-Hildburghausen, evento che fu seguito da numerosi festeggiamenti privati e pubblici.

L’ultima grande festa fu allestita il 17 ottobre di quell’anno nel Theresienwiese, un grande prato alle porte della città dove venne organizzata una corsa di cavalli che fu seguita da tutta la popolazione.

L’evento riscosse talmente tanto successo da venire poi replicato negli anni successivi, richiamando un pubblico sempre più ampio, e trasformandosi gradualmente nella grande festa che oggi tutti conosciamo.

Continua a leggere
Lascia un commento

Estate, tempo di birre belghe!

Siamo ormai in piena estate, e le alte temperature fanno desiderare qualcosa di rinfrescante per dissetarci e farci dimenticare la calura di questi giorni. Cosa c’è di meglio di una birra fresca e leggera per placare la sete? Anche in Belgio, parecchi anni fa la pensavano allo stesso modo, infatti hanno creato uno stile di birra perfetto per essere gustato durante il lavoro estivo nei campi: le Saison. Dimenticate le più conosciute Dubbel o Tripel trappiste dall’alto tasso alcolico: le Saison sono birre di gradazione moderata, in origine non più di 6 gradi alcolici, dal corpo scarico e quindi molto beverine, con un bouquet di note fruttate (limone, arancia e frutta gialla) arricchito dalle note speziate di una luppolatura generosa.

Continua a leggere
Lascia un commento

L’alta scuola della Birra a fermentazione spontanea

Sul miracoloso evento che coinvolge la vita di piccoli microscopici birrificatori, che festeggiano e banchettano con gli zuccheri del mosto, tra minuscole magie dal gusto pirotecnico, si potrebbe scrivere un avvincente e romantico romanzo.

“La poetica festa della fermentazione”.

Nel tempo l’uomo ha imparato ad assecondare queste magie, ad innescarne i processi, sempre ricercando i migliori ambienti per permetterle e potersene così godere gli spettacolari effetti.

Abbiamo imparato a farlo nei modi più raffinati, ma soprattutto -prima degli stili e di qualsiasi speziatura- attraverso le differenti temperature di fermentazione.

Quindi alta fermentazione a temperature elevate o bassa fermentazione a temperature decisamente più contenute, come sintetizzato all’inizio di questo interessante articolo dedicato all’alta fermentazione.

La poetica dimensione della fermentazione spontanea nasce per assecondare quella magia nel suo ambiente più libero, nella sua temperatura naturale.

Continua a leggere
Lascia un commento

I profumi delle birre – Il Luppolo

Dopo il post introduttivo sui profumi delle birre, vediamo più nel dettaglio le caratteristiche del luppolo e quali sono gli aromi legati all’uso di questo ingrediente.

Il luppolo (humulus lupulus) è una pianta rampicante della famiglia delle cannabacee, già nota ai tempi degli Egizi per le sue proprietà terapeutiche. Le prime notizie di utilizzo del luppolo nella birra risalgono al 760 d.c. circa, nel monastero di Wheinestephan che ancora oggi produce una tradizionale birra Weizen e si vanta di essere tra i primi utilizzatori di luppolo. L’uso di questa pianta si diffonde a partire dall’undicesimo secolo in Germania ed in Boemia, grazie anche agli studi di Suor Ildegarda, la botanica che ne aveva descritto la capacità di conservazione della birra. Dal quindicesimo secolo in poi diventa ingrediente comune.

Continua a leggere
Lascia un commento

I profumi delle Birre

Apprezzare le birre significa anche imparare a conoscerne i profumi: individuare le note aromatiche date da ciascun ingrediente, riconoscerle singolarmente e valutare come queste componenti vanno a comporre il bouquet tipico di quella birra.
Gli ingredienti principali che conferiscono profumi alle birre sono malto, luppolo e lievito; a questi possono aggiungersi le spezie, se presenti.

Un aiuto fondamentale è dato dalla schiuma, che racchiude gli aromi in microscopiche bollicine che scoppiando sprigionano gli aromi nel bicchiere sopra la schiuma stessa.

Continua a leggere
Lascia un commento

Le Birre a Bassa Fermentazione

Bassa, Alta o Spontanea? È tutta questione di fermentazione.

Scopri a quale stile appartiene la tua birra preferita.
Dopo aver introdotto le birre ad alta fermentazione è il momento di parlare di quelle a bassa fermentazione, genericamente dette Lager, in cui rientrano le tipologie più diffuse nel mondo (quasi il 90% della produzione mondiale).

Continua a leggere
Lascia un commento

Le Birre ad Alta Fermentazione

Bassa, Alta o Spontanea?

È tutta questione di fermentazione. Scopri a quale stile appartiene la tua birra preferita.

Secondo il tipo di fermentazione le birre possono essere classificate in:

  • birre a fermentazione alta;
  • birre a fermentazione bassa;
  • birre a fermentazione spontanea.
Continua a leggere
Lascia un commento

Il lato rosa della birra

womenChi dice birra dice donna: una storia d’amore nata 7.000 anni fa, la cui fiamma oggi arde sempre più.
Probabilmente in pochi lo sanno, ma la storia della birra è da sempre legata alla donna. Nell’immaginario comune il bevitore medio è uomo, preferibilmente al bar con gli amici o seduto sul divano guardando un qualche evento sportivo. Homer Simpson insomma.

E invece pare che siano state mani femminili le prime a far fermentare accidentalmente dei cereali lasciati in acqua, circa settemila fa nelle terre degli antichi Sumeri. E sembra persino che fino al Medioevo la produzione sia stata prerogativa di lei piuttosto che di lui.

Continua a leggere
Lascia un commento

Birra vs Vino: chi ha vinto la sfida nell’annata 2015?

Nel corso dell’ultimo anno il settore delle bevande alcoliche ha visto un incremento nel fatturato,soprattutto sui mercati esteri, sia del vino che della birra dei produttori italiani.

LA BIRRA IN ITALIA

La birra sicuramente è stata il concorrente favorito nella sfida. Il 2015 è stato il suo anno, in
particolare se si parla di birra italiana artigianale: con tanto di festival disseminati lungo lo stivale durante tutta l’annata, sino ai cesti natalizi sotto l’albero. Un fervore che in numeri si traduce in:
875 micro-birrifici con 1.300 persone impiegate, arrivando poi a produrre un indotto di 4.000 lavoratori.
vendita_birra_online
Ma non solo di artigianale ci si può dissetare.
E allora ecco cosa racconta, sullo sfidante “birra italiana”, il The Brewers of Europe nel rapporto Beer Statistics 2015: la produzione copre ormai il 10% di quella complessiva Ue, posizionandosi al quarto posto subito dopo Regno Unito, Germania e Francia con 600 impianti tra grandi aziende, piccoli birrifici e malterie.

Continua a leggere
Lascia un commento

I cambiamenti climatici sconvolgono la Birra?

brussels-square
La prima cosa che ci viene in mente pensando ai cambiamenti climatici sono lo scioglimento dei ghiacciai ed i danni causati dai forti temporali.
Vi siete mai chiesti se questi possano compromettere la produzione di un certo tipo di birra?

L’insolito caldo autunnale di questi giorni sta causando grandi disorientamenti tra le persone, specialmente tra i residenti del nord Europa, abituati a temperature già molto basse nel mese di novembre.
Una conseguenza disastrosa di questo eclatante cambiamento climatico arriva dal Belgio, dove è scattato un vero e proprio allarme birra.
Una vera catastrofe per i grandi degustatori di birra belga: uno dei più importanti produttori di birra artigianale Cantillon, con sede a Bruxelles, ieri 4 ottobre ha rivelato alla stampa di essere stato costretto a interrompere temporaneamente la sua produzione a causa dell’insolito caldo autunnale.

Continua a leggere
Lascia un commento
Pagina: 1 2